I finanziatori

Il costo del debito

Il Gruppo è esposto alle fluttuazioni dei tassi d’interesse per quanto concerne la misura degli oneri finanziari connessi all’indebitamento contratto a tassi variabili. Comunque al 31/12/2015 la quota del debito esposta al rischio di variazione tassi è solo del 5,4% del totale (con un costo medio del 3,58% circa), mentre il restante 94,6% del debito risulta a tasso fisso, ovvero coperto dal rischio tassi mediante strumenti finanziari non speculativi (con un costo medio del 3,77% circa), in quanto la politica del Gruppo non prevede l’utilizzo di derivati aventi finalità speculative ed ha come obiettivo l’individuazione del giusto mix tra tasso fisso e variabile, nell’ambito di una strategia prudenziale verso il rischio di oscillazione dei tassi. La gestione del rischio tasso d’interesse mira essenzialmente a stabilizzare i flussi finanziari in modo da garantire i margini e la certezza dei flussi di cassa derivanti dalla gestione caratteristica. Nel 2015 la quota di valore aggiunto distribuito ai finanziatori sotto forma di oneri finanziari è stata pari a 24,1 milioni di euro.

Lodi - Centrale di Cogenerazione Teleriscaldamento