Le risorse umane

La Salute e la Sicurezza dei lavoratori

Linea Group Holding presta grande sensibilità e attenzione alla tutela della salute e della sicurezza di tutti i lavoratori, dai dipendenti agli interinali e agli stagisti, non trascurando i visitatori degli impianti, delle varie sedi operative ed il personale appartenente alle ditte esterne. Il presidio del sistema di gestione della sicurezza è assicurato in ogni società dalla funzione Qualità Sicurezza Ambiente di LGH (QSA), in collaborazione con i relativi servizi, che operano coerentemente con le politiche del Gruppo. I Responsabili del Servizio di Prevenzione e Protezione collaborano attivamente con i datori di lavoro al processo di valutazione dei rischi aziendali e si occupano della formazione e dell’informazione ai lavoratori inerente sia i rischi propri dell’ambiente di lavoro sia quelli specifici della mansione e collaborano all’addestramento di tutto il personale. Attraverso il sistema di gestione della sicurezza viene assicurata l’uniformità delle metodologie di valutazione dei rischi, l’individuazione delle misure organizzative, procedurali e tecniche, l’individuazione delle necessità formative del personale per assicurare il costante miglioramento della prestazione in materia di salute e sicurezza sul lavoro. Specifiche procedure e sistematici audit consentono di perseguire il monitoraggio ed il miglioramento continuo del sistema di gestione della sicurezza. Con riferimento al personale dipendente, elementi di monitoraggio continuo sono costituiti dall’analisi dei singoli infortuni e mancati infortuni e dai sopralluoghi di vigilanza al personale operativo sulla base di pianificazione annuale. Con riferimento al personale delle imprese terze, sono effettuati dal Gruppo sopralluoghi di vigilanza, anche monitoraggi dell’attività dei coordinatori di sicurezza in fase di esecuzione dell’incarico, la richiesta e il monitoraggio degli infortuni. Il lavoro del servizio QSA inoltre si articola tra i vari settori aziendali e fornisce supporto per tutto ciò che riguarda la gestione della salute e della sicurezza; le attività di coordinamento con i fornitori di prestazioni e servizi, l’approfondimento dei rischi specifici legati a macchinari, attrezzature, strutture e la successiva gestione delle eventuali misure di prevenzione e protezione, la gestione della dotazione personale di Dispositivi di Protezione Individuale (DPI), la discussione di eventuali modifiche a procedure e istruzioni di lavoro etc. Allo scopo di rendere attivi anche i lavoratori nel miglioramento degli aspetti legati alla salute e alla sicurezza è attivo un sistema di segnalazione che consente ad ogni lavoratore di trasmettere al servizio l’individuazione di anomalie o di situazioni di pericolo potenziale. Oltre alle risorse fornite per i Servizi di Prevenzione e Protezione (SPP), Linea Group Holding ha attivato un programma di implementazione progressiva di sistemi di gestione della sicurezza secondo la norma OHSAS 18001:2007 in tutte le società del Gruppo. Alla data di stesura del presente documento tutte le società del Gruppo hanno ottenuto la certificazione secondo la norma OHSAS 18001 con la sola eccezione della società Lomellina Energia, la cui certificazione è prevista nel 2016. In materia di formazione, l’Area QSA promuove d’intesa con l’Area Personale l’organizzazione di corsi trasversali su tematiche inerenti la sicurezza sul lavoro. Oltre ai corsi di primo soccorso sono stati organizzati incontri di formazione in materia di alcool e tossicodipendenze, corsi antincendio per addetti alle squadre di emergenza, corsi per dirigenti e preposti aziendali in merito alle responsabilità in materia di sicurezza, corsi di formazione per RLS e corsi inerenti l’uso di attrezzature di movimentazione. Nel mese di febbraio 2015 LGH è stata iscritta nell’Albo regionale dei soggetti accreditati per i servizi di istruzione e formazione professionale ai sensi della DGR 2412/2011 con numero di iscrizione 853. Nella tabella 25 sono riportati gli indici infortunistici relativi al gruppo LGH per il triennio 2013-2015. L’indice di frequenza esprime il Rapporto tra il numero di infortuni e la durata dell’esposizione al rischio (per 1.000.000 di ore lavorate). Fornisce un’idea sul numero di infortuni ogni milione di ore lavorate. L’indice di gravità è il Rapporto tra una misura delle conseguenze invalidanti dell’infortunio (espressa in giorni di assenza) e la durata dell’esposizione al rischio (per 1.000 ore lavorate). Fornisce un’idea sul numero di giorni di assenza ogni mille ore lavorate. L’incidenza infortunistica esprime il Rapporto tra il numero di infortuni e il numero di esposti al rischio. Fornisce un’idea del numero di infortuni ogni 1.000 addetti. L’indicatore della durata media dell’infortunio fornisce un’informazione sul numero di giorni di assenza medi per ogni infortunio. I dati 2015 dimostrano un andamento del fenomeno infortunistico del Gruppo in miglioramento rispetto all’anno precedente: l’analisi infortunistica evidenzia che il settore dell’igiene ambientale conferma la sua criticità. Sono in corso di attivazione azioni correttive volte a modificare l’organizzazione del lavoro (attrezzature o revisione dell’operatività) al fine di ridurre il rischio in quanto non è possibile eliminarlo. Le azioni correttive dovranno tener conto in ogni caso degli impegni sottoscritti e dei costi aziendali.

Tabella 25: indici infortunistici del Gruppo LGH nel triennio 2013-2015


Promozione della salute nei luoghi di lavoro

LGH aderisce al programma WHP

LGH ha deciso di aderire al programma WHP (Workplace Health Promotion) della Regione Lombardia che si pone come obiettivo la promozione della salute nei contesti occupazionali. Il programma presuppone che un’azienda non solo attui tutte le misure per prevenire infortuni e malattie professionali, ma si impegni anche ad offrire ai propri lavoratori opportunità per migliorare la propria salute, riducendo i fattori di rischio generali e in particolare quelli maggiormente implicati nella genesi delle malattie croniche. Le aziende della Rete WHP aderiscono ad uno specifico programma che prevede un percorso di realizzazione di buone pratiche (azioni efficaci validate da tecnici esperti) nel campo della promozione della salute. I luoghi di lavoro che promuovono la salute, ad esempio, incentivano e promuovono l’attività fisica, offrono opportunità per smettere di fumare, promuovono un’alimentazione sana, attuano misure per migliorare il benessere sul lavoro e oltre il lavoro. Il programma include 6 aree tematiche, dall’alimentazione al contrasto al fumo, dalla sicurezza stradale al contrasto all’alcol e alle altre dipendenze, alla promozione del benessere e della conciliazione vita-lavoro. Le aziende che decidono di aderire si impegnano a realizzare annualmente almeno 3 buone pratiche in 2 aree tematiche diverse, e al termine del primo anno vengono accreditate come “azienda che promuove salute” ricevendo il logo “health promoting workplace” dell’anno. LGH per il 2016 ha deciso di intraprendere il percorso iniziando da due specifiche tematiche. La prima, la promozione della sicurezza stradale e di una mobilità sostenibile. La seconda, la promozione di un’alimentazione protettiva.

Defibrillatori in azienda

Ogni anno in Italia le vittime di arresto cardiaco sono 57 mila, una ogni nove minuti, e costituiscono il 10% della totalità dei decessi. Se il ritmo cardiaco non viene ristabilito velocemente, la morte sopraggiunge in pochi minuti e danni cerebrali irreversibili possono manifestarsi dopo appena 5-6 minuti. Vitale è intervenire immediatamente utilizzando un defibrillatore, che consente al cuore di riprendere un ritmo cardiaco regolare. Grazie alla Legge n°120 del 3 Aprile 2001, oggi una persona correttamente formata può intervenire tempestivamente, in attesa dell’arrivo dei soccorsi: è sufficiente conoscere poche semplici manovre di Basic Life Support-Defibrillation (BLSD) e avere a disposizione un defibrillatore semiautomatico esterno (DAE). Si tratta di un apparecchio affidabile e semplice da usare, che è in grado di ripristinare il ritmo cardiaco in sicurezza effettuando la defibrillazione delle pareti muscolari del cuore in maniera sicura, dal momento che è dotato di sensori per riconoscere l’arresto cardiaco dovuto ad aritmie, fibrillazione ventricolare e tachicardia ventricolare. LGH, che da tempo ha intrapreso un percorso finalizzato al miglioramento della salute sui luoghi di lavoro, considerando il defibrillatore alla stregua di un sistema antincendio o di un estintore (ossia un dispositivo di vitale importanza in presenza di una situazione critica all’interno dell’azienda) ha deciso di acquistare i defibrillatori formando alcuni colleghi al loro utilizzo. Intervenire in modo preventivo e proattivo è fondamentale. La presenza in azienda di un defibrillatore facilmente accessibile, posizionato come un comune estintore, permette di assistere efficacemente il lavoratore colpito da arresto cardiaco improvviso, facendo passare le probabilità di sopravvivenza da meno del 5% a oltre il 50%. Inoltre, il defibrillatore non è solo patrimonio dell’azienda ma dell’intera comunità, poiché una volta collocato viene mappato e segnalato sul territorio ed in caso di bisogno può essere richiesto il suo utilizzo all’esterno garantendo una sorta di “rete della vita”. Inoltre, far apprendere ai preposti di LGH la sequenza di rianimazione di base nell‘adulto e nel bambino in arresto respiratorio e/o cardiaco, le manovre da eseguirsi in caso di ostruzione delle vie aeree da corpo estraneo e le abilità relative all‘utilizzo del defibrillatore semiautomatico, è un grande investimento civico non solo in ambito lavorativo ma per l’intero territorio e le comunità.

Cremona - Uffici