Profilo dell'Organizzazione

Governance e sistemi di gestione

2.7.1 Corporate governance
Linea Group Holding S.p.A. è società di diritto italiano, non quotata, a totale capitale pubblico locale, indiretto. Gli organi sociali che formano il sistema di governance di LGH sono il Consiglio di Amministrazione, il Collegio Sindacale, l’Assemblea dei Soci. Il Consiglio di Amministrazione ha istituito un Organismo di Vigilanza ai sensi del d.lgs. 231/2001. Su base volontaria, il Consiglio di Amministrazione ha adottato il “Codice degli Amministratori”, nel quale sono richiamati diritti e doveri etici e normativi dei componenti dell’organo amministrativo. Alla definizione del sistema di governance di LGH, in quanto società non quotata a totale capitale pubblico locale - seppure indiretto - ha contribuito significativamente un corpus di norme speciali emanate nel tempo, innestatesi nello e sullo schema statutario. L’emissione, nel corso dell’esercizio 2013, da parte di LGH di obbligazioni non convertibili quotate sulla Borsa del Lussemburgo, in conseguenza della quale ora la società rientra nella definizione di società emittente strumenti finanziari quotati su mercato regolamentato, ha parzialmente modificato - riducendone la portata - il corpus della normativa speciale ad essa applicabile. Il Consiglio di Amministrazione può essere composto da un numero massimo di 5 componenti, nominati secondo quanto previsto dagli artt. 11 e 15 dello Statuto. È prevista la nomina di un Vicepresidente e il Consiglio di Amministrazione può nominare tra i suoi membri uno o più consiglieri delegati. La complessità delle attività, della articolazione societaria, dell’organizzazione hanno determinato la nomina costante di un Presidente e di un Amministratore Delegato con competenze e poteri disgiunti. Lo statuto prevede che il Consiglio di Amministrazione sia convocato ogniqualvolta sia ritenuto opportuno dal Presidente, dal Vicepresidente, dal Consigliere Delegato di loro iniziativa, ovvero su richiesta di almeno 2 Consiglieri nel caso di Consiglio a 5 membri o di un Consigliere nel caso di Consiglio a 3 membri.

Rovato (BS) - Servizio Igiene Urbana

Al Consiglio di Amministrazione è riservata ogni decisione di ordinaria e straordinaria amministrazione della Società che non sia riservata all’Assemblea dei Soci. Lo statuto prevede materie indelegabili dal Consiglio di Amministrazione, oltre a quelle previste dalla legge. Il Consiglio di Amministrazione si è riunito 20 volte nel 2015, con cadenza usualmente ogni due/tre settimane. Il CDA è stato nominato il 07.02.2013 e, a seguito di proroga, resterà in carica nell’attuale composizione fino all’approvazione del Bilancio di esercizio 2015 da parte dell’Assemblea dei Soci. Il regime dei compensi dell’organo amministrativo è determinato secondo quanto previsto dal codice civile, dallo statuto e dalla normativa speciale, ove applicabile. Il Collegio Sindacale, composto di 3 membri effettivi e 2 supplenti, è l’organo che vigila sulla corretta amministrazione, in particolare sull’adeguatezza dell’assetto organizzativo, amministrativo e contabile adottato dagli amministratori e sul suo concreto funzionamento. L’Assemblea dei Soci viene convocata dall’organo amministrativo almeno una volta all’anno. Nel 2015 l’assemblea si è riunita 2 volte. L’Assemblea dei Soci decide sulle materie riservate alla sua competenza dalla legge, dallo Statuto, nonché sugli argomenti che uno o più amministratori o tanti soci che rappresentino almeno un terzo del capitale sociale sottopongono alla sua approvazione. Di seguito viene riportata la composizione del CDA e del Collegio Sindacale.

2.7.2 Assetto organizzativo
Oggi operano nella Holding circa 142 risorse, organizzate secondo lo schema riportato in figura 4.

Figura 4: organigramma LGH luglio 2015

2.7.3 Sistemi di gestione, controllo e certificazioni
Il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi (“SCIGR”)
Il sistema di controllo interno e di gestione dei rischi (di seguito anche SCIGR) è costituito dall’insieme delle regole, delle procedure e delle strutture organizzative volte a consentire l’identificazione, la misurazione, la gestione e il monitoraggio dei principali rischi. Tale sistema è integrato nei più generali assetti organizzativi e di governo societario adottati dal Gruppo LGH e tiene in adeguata considerazione i modelli di riferimento e le best practices esistenti in ambito nazionale e internazionale. L’attuazione di un idoneo sistema di controllo interno e di gestione dei rischi costituisce un elemento fondamentale per la governance del Gruppo e la conduzione degli affari in coerenza con gli obiettivi prefissati, in condizioni di correttezza, trasparenza e conformità alle norme vigenti. Il sistema di Gruppo, a presidio dei rischi aziendali, coinvolge diversi attori e si articola sui seguenti livelli:

  1. Cosiddetti “controlli di linea” insiti nei processi operativi e svolti direttamente dalle funzioni aziendali nella gestione delle proprie responsabilità operative (management);
  2. Presidio alla gestione dei rischi, in coerenza agli obiettivi aziendali e nel rispetto di criteri di segregazione, svolto tipicamente da funzioni interne deputate al controllo (es. Risk Management, Pianificazione e controllo, Qualità Ambiente e Sicurezza).
  3. Valutazioni indipendenti e autonome sul disegno e sul funzionamento del complessivo sistema di controllo interno da parte di funzioni “imparziali” (Internal Audit).

A questi si aggiungono Collegio Sindacale, Società di Revisione dei conti e l’Organismo di Vigilanza ex d.lgs.231/01. Le attività di controllo di cui ai precedenti punti b. e c. rientrano tra le attività erogate dalle funzioni centralizzate della capogruppo a favore delle società sottoposte a direzione e coordinamento di LGH.

Internal Audit
LGH è dotata di una funzione Internal Audit e Integrated Enterprise Risk Management, che risponde al Presidente della Società, per garantirne un’adeguata indipendenza nello svolgimento delle proprie attività. La funzione opera a livello di gruppo secondo un Piano di audit annuale, relazionando dei risultati della propria attività l’Alta Direzione di LGH (Presidente e Amministratore Delegato) e/o delle Società controllate per quanto di loro competenza.

Responsabilità Amministrativa delle Società (D.Lgs. n.231/01 e s.m.i.)
Il Decreto Legislativo n. 231/2001, recante la “Disciplina della responsabilità amministrativa delle persone giuridiche, delle società e delle associazioni anche prive di personalità giuridica”, ha introdotto nell’ordinamento italiano la responsabilità in sede penale degli enti per alcuni reati commessi nell’interesse o a vantaggio degli stessi. La disciplina del Decreto, oggetto di successive modifiche e integrazioni, si applica a molteplici fattispecie di reato, tra cui in particolare reati nei confronti della Pubblica Amministrazione, reati societari, in violazione di norme in materia di sicurezza sul lavoro, in materia ambientale e informatica. Il Decreto prevede tuttavia alcune condizioni di esimente della responsabilità e, a tal fine, è stato adottato dal Consiglio di Amministrazione di LGH e dalle diverse Società controllate un Modello di organizzazione gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 (“Modello”), sottoposto a periodico aggiornamento coerentemente all’evoluzione societaria e normativa. Oltre a ridurre il rischio di illeciti ed evitare l’applicazione delle sanzioni a danno della Società, l’adozione del Modello contribuisce anche al rafforzamento della Corporate Governance, a una maggiore sensibilizzazione delle risorse aziendali in materia di controllo e all’affermazione dell’impegno verso la prevenzione attiva dei reati. Inoltre, la capogruppo e le società del Gruppo hanno istituito e nominato un proprio Organismo di Vigilanza (“OdV”), organo collegiale in staff al Consiglio di Amministrazione, con compiti principalmente di vigilanza sul funzionamento del proprio Modello, sulla sua adeguatezza ed eventuale opportunità di aggiornamento; nella maggior parte dei casi i membri dell’OdV nominato dalle controllate coincidono con quelli della capogruppo (due componenti esterni e il Responsabile della funzione Internal Audit di Linea Group Holding spa), secondo un Modello centralizzato. Gli Organismi di Vigilanza si sono dotati di un proprio Regolamento di funzionamento nominando al loro interno un Presidente. Nell’ambito delle proprie attività, l’Organismo di Vigilanza nel corso dell’anno in particolare: i) ha raccolto flussi informativi inerenti i principali processi e attività aziendali sensibili, svolgendo anche verifiche a campione su dati e documenti aziendali; ii) ha incontrato i principali soggetti Responsabili di aree sensibili; iii) ha monitorato i sistemi di gestione della sicurezza e ambientale; iv) ha verificato le attività di formazione e informazione al personale; v) ha agevolato e verificato il processo di aggiornamento della documentazione di sistema (es. self assessment matrici rischi/reato, Modelli, Codici Etici). Quale supporto operativo per le rispettive attività di competenza in ambito “231”, le Direzioni aziendali e gli Organismi di Vigilanza hanno utilizzato principalmente la funzione Internal Audit di LGH.

Codice Etico e Codice di condotta Amministratori
LGH e, conseguentemente, le società controllate hanno adottato un Codice Etico, in cui sono esplicitati i principi etici generali, i valori di riferimento ovvero le regole di comportamento verso i principali stakeholder; il documento è stato elaborato per assicurare che i valori etici fondamentali del Gruppo siano chiaramente definiti e costituiscano l’elemento base della cultura aziendale, nonché lo standard di comportamento di tutti i suoi Collaboratori nella conduzione degli affari e delle loro attività. Il documento è sottoposto a periodico aggiornamento in funzione dell’evoluzione organizzativa ovvero normativa. Inoltre, gli Amministratori di LGH e delle Società controllate sottoscrivono il Codice di condotta Amministratori, dove sono riportati i diritti/doveri dei componenti del Consiglio di Amministrazione, nonché le regole di condotta per la corretta gestione anche di particolari situazioni complesse (es. conflitti di interesse, rapporti infra-gruppo), anche più stringenti rispetto a quanto previsto dalla normativa vigente.

La gestione dei rischi aziendali
Il Gruppo LGH sta provvedendo a definire e implementare un modello di Enterprise Risk Management integrato (ERM), definito per rispettare le specificità dei business in cui il Gruppo opera. Tale modello persegue l’obiettivo di giungere ad una visione organica e complessiva dei principali rischi aziendali, sviluppando una consapevolezza crescente, al fine di rafforzare il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi e renderlo trasversale al Gruppo. Gli scenari di rischio sono valutati con riferimento agli ambiti di rilevanza e il sistema di controllo interno è correlato con le quattro categorie di obiettivi aziendali così come identificati dall’ERM CoSO Report1 framework (operativi, strategici, di compliance e financial/ reporting). Il Gruppo è esposto a diverse tipologie di rischio legate ai business in cui opera. Il modello di Governance, con riferimento ai rischi, prevede le seguenti responsabilità:

  • il Consiglio di Amministrazione svolge un ruolo di indirizzo e di valutazione dell’adeguatezza del sistema di controllo interno e di gestione dei rischi;
  • il Presidente sovraintende alle attività del sistema di controllo interno e di gestione dei rischi;
  • l’Amministratore Delegato si occupa del coordinamento del Comitato Rischi;
  • il Comitato Rischi, supporta il Consiglio di Amministrazione nella definizione delle linee di indirizzo del sistema di controllo interno e di gestione dei rischi legati all’attività di trading;
  • l’Internal Audit garantisce un’attività indipendente e obiettiva per valutare e migliorare i processi di controllo, di gestione dei rischi e di Corporate Governance;
  • La funzione QSA garantisce un’attività di monitoraggio e presidio dei rischi ambientali e di sicurezza sul lavoro.

1 L’ERM CoSO Report è stato pubblicato nel 2004 dal “Committee of Sponsoring Organizations of the Treadway Commission”, una commissione indipendente, fondata con il patrocinio congiunto delle cinque maggiori associazioni professionali americane: l’American Institute of Certified Public Accountants (Aicpa), la Financial Executive International (Fei), l’Institute of Internal Auditors (Iia) e l’institute of Management Accountants (Ima).


I principali rischi e incertezze a cui il Gruppo è esposto sono di seguito elencati:

  • Rischi operativi (rischio interruzione di business, rischio normativo, rischio di information technology, rischio di mercato commodity, rischio competitivo e rischio di contesto);
  • Rischio ambientale;
  • Rischio prevenzione e protezione;
  • Rischi finanziari (rischio di credito, rischio tassi d’interesse, rischio liquidità, rischio commodity e utilizzo strumenti finanziari, rischio di default e covenants).

Ulteriori approfondimenti sono disponibili nella relazione finanziaria annuale 2015.

Cremona - Impianto Biomasse Legnose

I Sistemi di Gestione
I sistemi di gestione per la qualità, l’ambiente e la sicurezza che le società di LGH hanno, già da diversi anni, provveduto ad implementare gradualmente nei differenti settori di attività, sono importanti strumenti per tenere sotto controllo, sia in termini di efficacia che in termini di efficienza, i processi ed i servizi erogati. La Qualità dei servizi forniti da una multiutility, infatti, è il risultato di un percorso indirizzato alla soddisfazione dei clienti, al rispetto dell’ambiente, alla qualità del lavoro all’interno delle singole società del Gruppo, alla sicurezza delle attività svolte, alla risposta alle aspettative degli stakeholder operanti sul territorio. Nel 2015 per le società di Linea Group Holding è proseguita l’implementazione progressiva di sistemi di gestione integrati, con investimenti specifici in termini di competenze. In particolare la Capogruppo LGH S.p.A. ha ottenuto la certificazione UNI IS0 39001:2012, che definisce i requisiti di un Sistema di Gestione per la Sicurezza Stradale volto a permettere ad ogni Organizzazione, che in qualche modo interagisce con il sistema stradale, di ridurre morti e infortuni gravi derivanti da collisioni stradali, controllando e gestendo le variabili che sono sotto la propria influenza e la certificazione qualità, limitatamente al processo di progettazione ed erogazione della formazione, attività propedeutica all’ottenimento dell’accreditamento come centro formativo secondo la procedura della Regione Lombardia. Lo Staff QSA ha garantito il presidio normativo, la consulenza a tutte le società in materia di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro. Le principali attività riguardanti le certificazioni ottenute sono indicate di seguito. Alle certificazioni riportate vanno aggiunte le verifiche effettuate dall’Organismo di certificazione ai sensi della Direttiva 2003/87/CE in materia di Emission Trading per le centrali di cogenerazione di Cremona e Lodi. Nel corso del 2015 per la società Linea Gestioni si è provveduto all’estensione dei sistemi di gestione esistenti alle aree territoriali di Lodi e Cremona. Nel mese di marzo 2016 è stato avviato il progetto di estensione della registrazione Emas all’area di Crema. Il progetto proseguirà nel prossimo biennio con la progressiva estensione della registrazione all’intera organizzazione. Sempre nel corso del 2015 la società Lomellina Energia ha ottenuto la certificazione del sistema di gestione qualità secondo la norma ISO 9001:2008, mentre per il 2016 è prevista la completa integrazione dei sistemi di gestione esistenti con quello relativo alla salute e sicurezza dei lavoratori secondo la norma OHSAS 18001:2007.

Tabella 3: sintesi dello stato delle certificazioni delle società di LGH al 31/12/2015

2.7.4 Le Strategie di Sostenibilità
La sostenibilità dei processi e dei servizi è perseguita, valutata ed attuata da tempo dalle società di Linea Group Holding: ciascun obiettivo di sostenibilità viene perseguito con progetti ed iniziative definite dalle varie Funzioni aziendali di LGH e dalle Società controllate ed inclusi in specifici piani d'azione a breve e medio termine: lo stato di avanzamento dei progetti e il raggiungimento degli obiettivi sono monitorati nell’ambito delle riunioni per il riesame della direzione, nell’ambito dei sistemi di gestione aziendali. In questo documento sono offerte informazioni e dettagli su tutto quello che le società della Holding hanno già attuato da tempo: indagini di Customer Satisfaction, certificazioni di sistemi di gestione ambiente, qualità e sicurezza, Registrazioni EMAS, progetti di recupero di efficienza, sistemi di incentivazione del personale, investimenti in tecnologie e impianti più efficienti e compatibili con l’ambiente, sistemi e strumenti di Corporate Governance, modelli di gestione della Responsabilità Amministrativa ex D.lgs. 231/01, Codice Etico, ecc. Tali azioni sono tutte riconducibili alla strategia di CSR (responsabilità sociale di impresa).

2.7.5 Missione, Visione e Fondamenti
La Missione
Il Gruppo LGH è una Multiutility industriale che vuole mantenere e sviluppare attività e servizi di interesse economico generale:

  • offrendo ai clienti servizi di qualità e soddisfacendo al meglio le loro aspettative;
  • mirando a ottimizzare nel tempo gli investimenti degli azionisti, anche attraverso aggregazioni o partnership;
  • favorendo il coinvolgimento, la responsabilizzazione e la valorizzazione dei lavoratori;
  • adattando l’organizzazione alle nuove sfide tecnologiche e di mercato;
  • operando nel rispetto dell’ambiente, del proprio territorio, della sicurezza dei lavoratori e dei valori etici, secondo un modello di sviluppo sostenibile, con particolare attenzione alla produzione e all’utilizzo di energia da fonti rinnovabili.

La Visione
Crescere, creando valore e rimanendo punto di riferimento per i propri stakeholder, cioè tutti coloro che direttamente e indirettamente sono coinvolti e interessati dall’attività del Gruppo.

I fondamenti LGH: i nostri valori

  • Uno. Siamo sempre responsabili
    LGH è un Gruppo nel quale tutti devono sentirsi responsabilizzati e responsabili del mantenimento e sviluppo delle proprie competenze, della buona esecuzione dei compiti assegnati e della realizzazione degli obiettivi aziendali, con la consapevolezza che “ciò che fai” e “come lo fai” contribuisce in modo determinante al successo personale e del Gruppo.
  • Due. Facciamo squadra per essere vincenti
    Nel Gruppo tutti devono sentirsi impegnati a lavorare insieme per conseguire gli obiettivi condivisi: unire gli sforzi favorendo un clima coeso e costruttivo di confronto è la chiave per una reale crescita professionale.
  • Tre. Agiamo oggi pensando anche al domani
    Il contesto nel quale operiamo oggi richiede dinamicità e capacità di “vedere oltre”, di progettare con una visione di quello che sarà il nostro futuro. Le scelte che facciamo oggi sono indirizzate a soddisfare anche le nostre esigenze di crescita e i bisogni dei clienti di domani.
  • Quattro. Dimostriamo integrità
    Ogni dipendente del Gruppo LGH deve caratterizzarsi per l’integrità, cioè impegnarsi a lavorare:
    • correttamente, rispettando gli altri e gli impegni presi;
    • onestamente, rispettando norme e regole aziendali;
    • in modo equo e trasparente, trattando in modo imparziale ogni cliente interno ed esterno.